giovedì 26 settembre 2013

Truffe online, Polizia Postale: attenti alle false e-mail di Banco Posta

L'ultima truffa online corre via mail, e ha come oggetto "Attività sospette". La mail in queste settimane sta arrivando nella casella di posta di molti cittadini, anche valdostani. Ad inviarlo è l’indirizzo bancopostaclickservice@click.it e gli agenti della polizia postale di Aosta mettono in guardia i cittadini: "Non rispondete, per non mettere a rischio la sicurezza dei vostri dati

mercoledì 11 settembre 2013

Abruzzo: operazione contro truffe sul web, due arresti e 17 denunce

La Polizia Postale e delle Comunicazioni di Pescara ha arrestato 2 persone e denunciate 17 per associazione a delinquere finalizzata all'attuazione di truffe on line. Le indagini sono partite in seguito ad una miriade di truffe fatte con diversi account e-Bay (master-vantec, shops_center, k-golden-k, esse_di_esse, orion.elettronic, costuiler, premiunt e alsemione) mediante i quali venivano simulate vendite di smartphone, tablet, notebook e prodotti tecnologici vari e denunciate presso la Sezione Polizia Postale di Chieti. Tali episodi di truffa, apparentemente scollegati, in realta' avevano dei dettagli che li accomunavano, per cui grazie ad un'intensa attività investigativa si accertava l'esistenza di un sodalizio criminale dedito alla commissione di una serie di reati. Il modus operandi era piuttosto collaudato: con documenti falsi di altri soggetti, ignari o anche compiacenti, venivano aperti svariati account su siti di E-commerce sempre con largo anticipo, al fine di crearsi una certa anzianità di registrazione sul sito e un alto numero di feedback positivi creati ad hoc dagli stessi criminali. L'operazione ha visto impegnati anche gli uomini del Commissariato di Lanciano, del Reparto Volo di Pescara e del Reparto Prevenzione Crimine ''Abruzzo'' di Pescara.

Fonte: ASCA
Foto dal web

domenica 8 settembre 2013

Diciassettenne annuncia suicidio in chat, salvato dalla Polizia Postale

Un diciassettenne della provincia di Caserta che aveva annunciato di suicidarsi nel corso di una chat con gli operatori di Telefono azzurro, evidenziando disagio emotivo-psicologico, è stato salvato da personale del compartimento polizia postale e delle comunicazioni "Sicilia orientale" di Catania. La polizia, dopo la segnalazione dell'associazione, ha attivato la procedura d'emergenza per ottenere i dati informatici utili ad individuare l'utente che è stato localizzato in breve tempo in un comune della provincia di Caserta. La polizia postale di Catania ha immediatamente i carabinieri presenti nelle vicinanze ed è stata raggiunta l'abitazione del minorenne. Del fatto sono stati messi a conoscenza i genitori del 17enne.

Fonte: Adnkronos
Foto archivio
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...