sabato 3 settembre 2011

Attacco al Cnaipic sarebbe complotto, danneggiati anche Anonymous

Il cyberattacco condotto dalla LulzSecurity nel luglio scorso contro il Cnaipic, il Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche, che fa capo alla polizia postale, sarebbe una bufala. Anzi, molto peggio, un complotto. A sostenerlo sono gli Anonymous, che si sono accorti di come la quasi totalità degli otto gigabyte di dati
sottratti all’azienda che fornisce assistenza tecnica al Centro sia in realtà un clamoroso falso. C’era di tutto, tra i documenti resi pubblici dagli hacktivist su Twitter e Pastebin.com: dai rapporti confidenziali di agenti in servizio alle scansioni di documenti di identità di cittadini russi, indiani ed egiziani. Persino gli schemi del server del Cnaipic, l’organigramma e l’ubicazione dei suoi uffici, e ancora diverse immagini di poliziotti al lavoro, compresa una foto di gruppo che sembra estratta da una presentazione. Ma non si sarebbe trattato di una polpetta avvelenata lanciata ai cyberattivisti, bensì di un complotto volto a screditare l'immagine dello stesso Cnaipic, o meglio ancora delle realtà private che offrono al centro la loro consulenza, per farle apparire incapaci di badare alla sicurezza dei propri sistemi. L’obiettivo? «Favorire qualche altra società di websecurity privata, convinta di poter ottenere così qualche appalto multimilionario o qualche super commessa a sei zeri», rivela a Linkiesta uno degli stessi Anonymous. La cybersicurezza, da sempre terreno di ricco business, è diventata infatti di questi tempi una vera e propria miniera d'oro per gli addetti ai lavori. Ecco perché, secondo i cyberattivisti, a qualcuno avrebbe potuto far molto comodo eliminare dalla lizza qualche concorrente di primo piano.

Fonte: Linkiesta

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...